V.I.P: Very Important PixelSquare: Gaddo Ferrini

V.I.P: Very Important PixelSquare: Gaddo Ferrini

[box style=”0″]

V.I.P: Very Important Pixel Square, è una rubrica dedicata ai migliori lavori dei collaboratori e studenti di Pixel Square.
Con questo spazio vogliamo mettere in risalto la creatività e le idee sviluppate dopo aver frequentato i nostri corsi. Diventa così una vetrina ufficiale per gli ex studenti Pixel Square che vogliono mettere in risalto dei importanti risultati artistici/creativi. Ogni settimana daremo spazio alle loro immagini assieme ad una breve intervista.
Questa settimana lo spazio è dedicato a Gaddo Ferrini

[/box]

Da quanto fotografi?

Non da molto, ho scoperto la mia attrazione per la fotografia a NY circa 6 anni fa, incuriosito dalla moltitudine di facce cominciai a immortalare con una compatta di bassa lega i soggetti più inusuali che mi capitavano a tiro e quelli che attraverso il loro aspetto rappresentavano i così diversi status sociali, ne venne fuori un interessante collage che mi diede l’ input per approfondire la mia conoscenza fotografica.
Da allora infatti non ho più smesso di fotografare…e di viaggiare..

Come hai iniziato e perchè?

Non credo sia possibile trovare un logico perchè , semplicemente ho scoperto fotografando che quel semplice gesto del click mi faceva stare bene..

Cosa significa per te “fotografare”?

Per me la fotografia è imprescindibilmente legata al viaggio e alla scoperta, un mondo onirico in cui mi tuffo con passione che mi permette di conoscere e conoscermi sempre meglio.
Considerandomi più che altro ritrattista talvolta cerco di rivelare il riflesso di umanità insito in ogni volto e rendere omaggio all’assoluto valore del singolo individuo..

La fotografia riproduce la realtà o crea una nuova?

Credo dipenda esclusivamente dalla volontà dell’ autore.
Personalmente cerco di essere totalmente coerente con la realtá, ma vista la mia tendenza a decontestualizzare il soggetto e i contesti spesso magici/surreali la singola immagine slegata dalla galleria a cui appartiene potrebbe risultare piuttosto visionaria.

Una tua esperienza positiva vissuta grazie alla fotografia.

Tante così tante che faccio fatica a sceglierne una in particolare.
I sorrisi, gli sguardi e la bellezza di poter comunicare senza proferire parola.

Una tua esperienza negativa legata alla fotografia.

Purtroppo altrettante anche in questo caso.
In Arunachal Pradesh durante un festival propiziatorio ho dovuto assistere e fotografare decine di sacrifici animali, anche di alcuni cani, ma la sorte peggiore toccò ai maiali che uno dopo l’altro venivano sventrati vivi e veniva loro strappato il cuore dalle viscere con la sola forza delle mani, il cuore continuava a battere accelerato ancora per i minuti dopo la morte della bestia.
Non potrò mai dimenticare l’orrore che ho visto negli occhi di quei poveri animali e i loro disperati grugniti.
In un area tribale del triangolo d’oro birmano in un remoto villaggio Eng era invece stata indotta una cerimonia sciamanica con la speranza di aiutare un povero uomo prossimo alla morte.
Inutile dire che la mancanza di medicinali e l’isolamento inducono gli Eng ad affidarsi totalmente alla grazie degli spiriti.
Riguardando gli occhi spenti di quel l’uomo che mi fissavano mi pongo sempre delle domande su quanto sia corretto fotografare simili situazioni.

Parliamo di tecnica. Con cosa scatti e perchè hai scelto questa configurazione?

Innanzitutto Canon e solo Canon…
Da quando ho acquistato il 50 1.2 Canon faccio fatica a usare le altre ottiche del mio corredo.
Ho dovuto munirmi comunque di due corpi macchina perché nella fotografia di viaggio in molte occasioni non hai tempo da perdere quindi 50 1.2 sulla mark 3 e 16 35 2.8 sulla mark 2 e all’occorrenza il pesante 70 200 2.8 pronto all’uso che mi accompagna sempre come prima lente durante i safari con il duplicatore 2 che monto e smonto in continuazione.

Cosa ne pensi delle macchine fotografiche mirrorless? Hai avuto l’opportunità di provare una?

Non l’hai mai provata ma sicuramente sono interessato a questa nuova classe di apparecchi fotografici. Mi piacerebbe portare con me una di queste macchine leggere durante i prossimi reportage anche grazie anche alla collaborazione con Pixel Square e Samsung.

Luce naturale o luce flash?

Assolutamente naturale fino al limite massimo…

Un fotografo / artista che per te è la fonte di ispirazione ed esempio a cui guardare?

Nonstante non sia un aspirante fotografo di guerra non posso che rimanere a bocca aperta davanti alle immagini di James Nachtway.
Il suo obbiettivo non è quello di raccontare la storia ne mostrare la guerra in generale, ma piuttosto raccontare la tragedia del singolo individuo.
Ogni figura è una persona e attraverso la perfezione estetica riesce a rendere nobile anche il soggetto più sconvolgente, nonostante il mio genere sia molto diverso dal suo cerco anche io di comporre ogni immagine con grande attenzione estetica e allo stesso tempo esaltare attraverso l’espressione la potenza del singolo individuo.

Fotografia social: usi Instagram, Twitter , Tumblr o Flickr per pubblicizzare i tuoi lavori? Cosa ne pensi di queste nuove forme di comunicazione / scambio / condivisione dei contenuti?

Passo molto tempo davanti allo schermo e in rete soprattutto per organizzare i miei viaggi e per trovare risposte alle mie tante domande, se usassi tutti questi social passerei davvero troppo tempo on line.
Non credo in questi sistemi o forse semplicemente non fanno per me, mi limito ad usare Facebook, ma senza troppa professionalità.

Hai il timore che le tue immagini possano essere usate impropriamente, o che qualcuno possa usarle per guadagnarci qualcosa ai tuoi danni?

Certo che ho paura, voglio solo sperare che non succeda e se proprio dovesse accadere spero almeno di poterlo scoprire e di far valere i miei diritti d’autore.

Parlaci di Pixel Square. Come ti sei trovato e cosa secondo te rende unica la nostra comunity?

Devo subito mettere in evidenza le qualità professionali di Alessandro che ho conosciuto partecipando ad un suo corso di lightroom. Fece anche da esaminatore per il mio diploma di tecnico fotografo all’accademia che frequentavo.
Pochi mesi fa infine ha creato il mio sito internet gaddoferrini.com dove grazie al suo lavoro posso mostrare tutte le mie gallerie. È nato con il tempo un rapporto di amicizia e di reciproca stima. Invidio molto le sue competenze e le sue indiscutibili capacità organizzative e sono davvero felice di averlo incontrato. Confido nel suo prezioso aiuto e nei suoi consigli per il futuro.
Credo che la validità dei suoi progetti meriti l’attenzione dei tanti appassionati specie questa giovane comunity che credo debba diventare un importante punto di incontro e condivisione.

Parlaci del progetto che ci proponi. Quale è l’idea che sta alla base? Quali sono state le sfide tecniche da affrontare e risolvere? Particolari soddisfazioni che hai avuto dalla realizzazione di questo lavoro?

Il mio scopo è documentare riti, popoli, luoghi ed eventi legati alle diverse religioni animiste prima che scompaiano definitivamente.
Preferisco mostrarvi una selezione di foto estrapolate da diversi lavori, se ne rimarrete incuriositi vi invito a visitare tutte le gallerie e i relativi articoli nella sezione photography del mio sito.

[icon name=icon-angle-right] Sito web di Gaddo Ferrini www.gaddoferrini.com

Pixel Square, Gaddo Ferrini Reportage Foto

Pixel Square, Gaddo Ferrini Reportage Foto

Pixel Square, Gaddo Ferrini Reportage Foto

Pixel Square, Gaddo Ferrini Reportage Foto

Pixel Square, Gaddo Ferrini Reportage Foto

Pixel Square, Gaddo Ferrini Reportage Foto

Pixel Square, Gaddo Ferrini Reportage Foto

Pixel Square, Gaddo Ferrini Reportage Foto

Pixel Square, Gaddo Ferrini Reportage Foto

Pixel Square, Gaddo Ferrini Reportage Foto

Pixel Square, Gaddo Ferrini Reportage Foto

Pixel Square, Gaddo Ferrini Reportage Foto

Pixel Square, Gaddo Ferrini Reportage Foto

Pixel Square, Gaddo Ferrini Reportage Foto

Pixel Square, Gaddo Ferrini Reportage Foto

Pixel Square, Gaddo Ferrini Reportage Foto

No Comments

Post A Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi