Samsung Galaxy S6, recensione fotocamera

samsung-s6-recensione-fotocamera-24.jpg

Anche se siamo ormai vicini al lancio del nuovo Samsung Galaxy S7, vogliamo proporvi la nostra recensione fotografica del Samsung Galaxy S6.
La prossimità del lancio del nuovo terminale è infatti di solito un buon momento per acquistare lo smatphone della generazione precedente: il prodotto infatti rimane con carettaristiche hardware di primo livello, inoltre il prezzo è già sceso rispetto al lancio e scenderà ancora di più nei prossimi mesi.

Ringraziamo Androidworld.it per averci fornito il terminale per la prova.

Caratteristiche Tecniche Fotocamera Samsung Galaxy S6

Sensore Sony IMX240 Exmor RS
Risoluzione delle foto 16 Mega Pixel
Grandezza Sensore / Grandezza Pixel 1/2.6″ /1.12 micrometri
Lunghezza Focale (Equivalente al formato 35mm)  27.5 mm
Apertura Focale Massima  f/1,9
Stabilizzatore Ottico  Sì

Samsung Galaxy S6, un prodotto di alta qualità

Sicuramente Samsung Galaxy S6 è il miglior Galaxy di sempre. Direte che è ovvio che sia così quando si parla di un dispositivo che va a seguire uno precedente, ma la cosa non è mai verissima. Con Samsung Galaxy S5 (che abbiamo recensito qui), Samsung si era forse seduta un po sugli allori: dal nostro punto di vista il comparto fotografico era di primissimo livello (soffriva solo nella situazioni notturne), la costruzione invece lasciava molto a desiderare: un pezzo di plastica a tutti gli effetti.
Con la tendenza del mercato che vede un po tutti i costruttori proporre smartphone che l’utilizzano materiali di primo livello, Samsung si è dovuta rapidamente adattare.
Ecco che Samsung Galaxy S6 nasce come un progetto totalmente nuovo, dove ogni elemento interno e sopratutto esterno è stato completamente rivisto: spariscono le plastiche e la scocca diventa completamente di alluminio con una parte frontale e posteriore composta da un bellissimo ed elegante vetro.
Samsung Galaxy S6 diventa anche molto sottile ma, come per iPhone 6/6s, il produttore Coreano ha dovuto usare il compromesso della fotocamera posteriore sporgente.
Sull’aspetto monitor non possiamo che lodare ancora una volta in più la qualità degli schermi Samsung: la risoluzione è stata aumentata a 2560×1440 pixel, i colori sono vivi ma non esagerati come alcuni monitor delle generazioni precedenti, la luminosità massima è anche estremamente buona. Su questo aspetto Samsung Galaxy vince anche su iPhone 6/6s.

Lato software Galaxy S6

Sul lato software Samsung rimane fedele alla sua TouchWiz, cioè una personalizzazione grafica proprietaria sopra la base di Android Lollipop. Se già con S5 erano stati fatti dei notevoli miglioramenti rispetto al passato, anche in questo caso con il connubio material design di Lollipop + nuova Touchwiz, l’interfaccia è davvero veloce e reattiva.
Dal nostro punto di vista, l’interfaccia “Stock” Android dei modelli Nexus rimane ancora la migliore in quanto la più pulita e fluida, però si può dire Samsung sia lavorando per migliorare ed ottimizzare sempre di più il suo prodotto.

Samsung Galaxy S6 recensione fotocamera

Si tratta dell’aspetto principale sul quale verte la nostra prova. Siamo rimasti estremamente colpiti dalla qualità degli scatti offerti da Samsung. Dai test che abbiamo fatto anche con terminali concorrenti (vedi Lg G4 e iPhone 6/6s) si tratta forse della miglior fotocamera su smartphone. Quello che impressiona sopratutto è la gestione delle situazioni di luminosità critiche come i controluce. In questo caso la funzionalità HDR opera in maniera impeccabile offrendo un bilanciamento della scena davvero ottimo.
Inoltre c’è da dire che è stata introdotta una notevole novità rispetto alla fotocamera del modello precedente: la possibilità di “starare” l’esposizione di base automatica anche nel caso delle foto HDR. Se infatti con Galaxy S5 l’esposizione rimaneva “bloccata” nel momento che si sceglieva il punto corretto, con Galaxy S6 si può decidere di sovraesporre o sottoesporre la fotografia mostrata semplicemente agendo con il dito verso l’alto / basso.
Il software della fotocamera di Samsung Galaxy S6 presenta inoltre una modalità di esposizione manuale la quale consente di modificare a mano tutti i parametri di scatto principali cioè tempo, iso, temperatura colore.

Nota:
Parlando di scatto manuale, ricordiamo che sui smartphone il diaframma non esiste e quindi il valore è fisso alla massima luminosità della lente, quindi è come se operassimo sempre in priorità di diaframmi.

Le fotografie prodotte sono sempre molto ben bilanciate sia sull’aspetto delle luci che sul colore. Rimane forse il vizio di Samsung di caricare un po troppo la maschera di contrasto (cioè il filtro che aumentare la sensazione di nitidezza dell’immagine) però nel complesso di notano dei miglioramenti nella gestione delle foto prodotte anche rispetto al Samsung S5.
Il tallone d’Achille della precedente generazione sembra essere quasi risolto: le fotografie in notturna. Se infatti con Samsung S5 le foto in tali situazioni risultavano davvero povere di dettaglio a causa di un eccessivo algoritmo di riduzione del disturbo, con il nuovo smartphone grazie al nuovo sensore / lente luminosa / stabilizzatore d’immagine ottico / nuovi algoritmi, il problema si è ridotto molto e le foto anche in tali situazioni sono molto buone per questa classe di dispositivi.

Scatto in modalità Raw

Con l’introduzione di Android 5 Lollipop, Google ha implementato tra le API di sistema la possibilità dello scatto in formato .raw DNG.

Allo stato attuale però non tutti i produttori hanno deciso di abbracciare questo formato di salvataggio all’interno della loro app fotocamera. I motivi sono presto detti: il più delle persone non sa neanche cosa sia il formato .raw, non sa come trattarlo, e sopratutto se attivato senza cognizione di causa può rapidamente riempire la memoria del telefono, fatto problematico su un dispositivo come Samsung Galaxy S6 che non offre la memoria espandibile.
Insomma, la possibilità di registrare le immagini in formato .raw DNG con Samsung Galaxy S6 c’è, però è nascosta dalla app fotocamera di Samsung.
Dovrete utilizzare quindi una app di terze parti come “Camera FV-5” oppure “Manual Camera”.
La domanda è: il gioco vale la candela? Cioè vale la pena utilizzare una app di scatto sopra menzionata per salvare il formato raw? Nel caso di Samsung S6 dal nostro punto di vista è no. Il perchè è dovuto al fatto che si perdono i vantaggi e gli ottimi algoritmi HDR proposti nella app nativa di Samsung la quale produce davvero degli ottimi scatti in modalità autoatica. Sarebbe stato bello vedere, come succede su LG G4 e One Plus One, la possibilità di prevedere il salvataggio della foto in formato .jpg o .jpg + raw anche nella app nativa di Samsung.

Conclusioni

Samsung Galaxy S6 come detto all’inizio ci ha colpito molto. Dalla qualità generale di costruzione, dalla leggerezza del dispositivo, dalla incredibile qualità del suo monitor e sopratutto dalla eccellente fotocamera: è uno smartphone che rimette sulla strada giusta Samsung. Rimane il problema del posizionamento di prezzo sul mercato in quanto Samsung se la deve vedere con i costruttori Cinesi (vedi Xioami, Meizu e One Plus One) i quali producono smarphone di quasi pari qualità a prezzi più concorrenziali. Rimane inoltre la pecca della memoria non espandibile, aspetto sul quale eravamo un abituati da tutti i Samsung precedenti.

Acquisti Samsung S6

Ecco alcuni link che consigliamo da Amazon per l’acquisto di Samsung Galaxy S6





Galleria fotografica Samsung Galaxy S6

Segue una galleria fotografica scattata con Samsung S6. Le fotografie sono state scattate principalmente in modalità Auto con l’opzione HDR attiva e non presentano alcun ritocco successivo.

Fotografie by Alessandro Michelazzi Photography

Scarica alcune foto in formato originale di Samsung Galaxy S6

Qui di seguito potete trovare un link per scaricare alcune foto scattate con Samsung Galaxy S6 in formato originale .jpg senza compressione e ridimensionamento.
Link immagini Samsung Galaxy S6 piena risoluzione

Share it:

PinIt

Rispondi

Top