Confronto Mirrorless: Fuji X100s vs Samsung Nx-300 -Seconda Parte-

wpid6642-PixelSquare-test-mirrorless-fuji-x100s-samsung-nx-300-16.jpg
Questa è la seconda parte della prova e confronto tra le mirrorless Fuji X100s e la Samsung Nx-300. Se non hai letto la prima parte del confronto la puoi trovare qui:

Autofocus
Su tutte e due le macchine è presente un nuovo sistema di autofocus a fase.
Fuji ha pubblicizzato molto il nuovo sistema definendolo come velocissimo, cosa che è vera, sopratutto nel confronto con il modello precedente, la Fuji X100. Dobbiamo però dire che la nuova macchina di Samsung, la Nx 300, batte a man bassa la Fuji x100s. L’autofocus infatti è notevolmente più veloce, e sopratutto sulla Samsung ci possiamo avvantaggiare della scelta del punto di messa a fuoco e scatto direttamente dal display touch della fotocamera. In questa maniera basta toccare il display e la macchina scatta la fotografia davvero all’istante.
In ogni situazione di luce che ci siamo trovati, le due macchine hanno risposto molto bene. Ci sentiamo quindi di dire che questa nuova classe di sensore con messa a fuoco a fase permette alle macchine mirrorless di fare un bel balzo in avanti raggiungendo così la velocità e affidabilità delle reflex.

Wifi
La possiblità di inviare le foto ad un device come uno smartphone o tablet è presente solo sulla macchina di Samsung. L’invio delle foto è vincolato attraverso l’applicazione “Samsung Smart Camera” presente sia per iOs che per Android.

Mirino ottico e monitor
Questo è uno degli aspetti di maggior differenza tra le due macchine che farà pendere per alcuni utenti l’ago della bilancia verso Fuji anche se il prezzo della macchina è notevolmente superiore: la presenza del mirino ibrido ottico ed elettronico.
Fuji è stata infatti pioniera di questo nuovo tipo di mirino già con la macchina precedente, la X100. Si tratta di una soluzione comoda che fa sembrare l’utilizzo della Fuji x100s quasi come quello di una macchina a telemetro. In questo caso avremo la possibilità di usare due mirini: uno ottico o galileano il quale mostra attraverso un rettangolo la scena inquadrata e a sua volta è delimitato all’interno da una cornice che si riferisce all’area che verrà fotografata. In questa maniera il fotografo può vedere quanto sta attorno all’area della fotografia prima di scattare. Attivando poi uno switch posto sulla parte frontale della macchina possiamo attivare un mirino elettronico il quale ha il vantaggio di poter simulare la vista dell’esposizione corrente oltre a poter farci vedere meglio la scena in presenza di luce.

Discorso display sulla Samsung Nx-300: il display su questa macchina è totalmente touch, caratteristica unica della macchina Samsung e non presente sulla Fuji X100s. Questo è uno dei vantaggi della Nx-300: poter scattare toccando il display, quasi come avessimo per le mani un telefono di ultima generazione però con un sensore e lente da macchina fotografica Relfex. E’ questa, che piaccia o no, la nuova frontiera della fotografia che si porta sempre più verso la fusione tra mondo mobile e fotografia.
Il display sulla Samsung Nx-300 è uno schermo AMOLED con Touch inclinabile (su 90°, giù 45°) con dimensione ragguardevole di 3.31″ con risoluzione di 768.000 punti. Dal nostro punto di vista il monitor è molto buono come luminosità e si riesce a scattare in tutte le situazioni di luminosità questo anche grazie al monitor basculante della macchina.

Sulla macchina Fuji il monitor posteriore è inferiore rispetto a quello di Samsung in quanto non presenta controlli touch, misura 2,8” e ha inoltre una risoluzione inferiore pari a 460.000 punti.

Facilità di utilizzo
La Fuji X100s è una macchina difficile da padroneggiare a modo. I menù sono ben strutturati ma ci sono molte opzioni che devono essere capite prima di scattare, per questo consigliamo una lettura del manuale d’istruzioni delle funzioni. I tasti di accesso sulla macchina Fuji tante volte sono poco chiari e ci si trova le prime volte a premere i tasti cercando la funzione che interessa.
Al contrario la macchina Samsung è strutturata in maniera molto semplice e mette anche l’utente che si trova per la prima volta davanti alla macchina in condizioni di poter scattare facilmente.

Test ad alti iso
Abbiamo eseguito delle prove con le macchine in due situazioni diverse e non paragonabili tra di loro. Potete vedere questi nostri primi risultati su queste nostre pagine:

Flash sulla macchina
Sulla Fuji è presente e incastonato nel corpo macchina un piccolissimo flash, nel caso della Samsung viene dato esterno assieme alla macchina un piccolo flash da attaccare sulla slitta superiore. Si tratta di un’ ottima soluzione che permette così di montare il Flash solamente quando serve.

Ottiche aggiuntive
Nel caso della macchina Samsung, ci troviamo di fronte ad una vera a propria macchina ad ottiche intercambiabili. Vasto è infatti il corredo ottiche a catalogo di Samsung: le focali vanno dal 16mm al 85mm per le ottiche fisse, sono inoltre presenti anche molte ottiche zoom.
Nel caso di Fuji, come abbiamo già detto, l’ottica pari ad un 35mm è fissa e non sostituibile. Possiamo però acquistare un aggiuntivo ottico che può portare la focale equivalente ad un 28mm, soluzione però costosetta (attorno ai 300/350€).

Note sulle fotografie

  • Fotografie scattate con le macchine in modalità .raw
  • Lettura e demosaicizzazione dei file con Lightroom 5.
  • Le immagini non sono state modificate in post-produzione, abbiamo solo uniformato per le coppie di foto la stessa temperatura di colore.
  • La differenza eclatante che noterete in alcuni dati di scatto relativi al tempo di otturazione, sono dovuti al fatto che oltre 1/1000 di secondo a f/2 sulla Fuji bisogna usare il filtro ND incluso nella lente in quanto la Fuji dispone di un otturatore centrale.

Pixel Square, Test Mirrorless, Fuji X100s vs Samsung Nx 300

Pixel Square, Test Mirrorless, Fuji X100s vs Samsung Nx 300

Pixel Square, Test Mirrorless, Fuji X100s vs Samsung Nx 300

Pixel Square, Test Mirrorless, Fuji X100s vs Samsung Nx 300

Pixel Square, Test Mirrorless, Fuji X100s vs Samsung Nx 300

Pixel Square, Test Mirrorless, Fuji X100s vs Samsung Nx 300

Qualità dello sfuocato del 30mm f/2 di Samsung

Pixel Square, Test Mirrorless, Fuji X100s vs Samsung Nx 300

Incredibile la capacità di recupero del sensore Fuji Xtrans. La fotografia fortamente sovraesposta è stata recuperata con quasi 4 stop di luce in meno. Si può vedere così l’immagine come scattate e quella post-prodotta in Lightroom dove abbiamo recuperato le parti bruciate.
Pixel Square, Test Mirrorless, Fuji X100s vs Samsung Nx 300

Pixel Square, Test Mirrorless, Fuji X100s vs Samsung Nx 300

Rispondi

scroll to top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi